COVID, FILM ROMANTICI E 40 GRADI IN CASA

Dopo 3 vaccini Pfizer e due anni di terrorismo psicologico, purtroppo lo devo dire: ho preso il Covid.

E porca miseria se sto di merda.

Diciamo che ultimamente mi ero lasciata andare alla libertà delle non-restrizioni, sì, abbracciavo e baciavo tutti, stavo senza mascherina…avevo decisamente alzato l’asticella e bam! Preso.

Come un cazzo di vaso in testa, come un benedetto schiaffo sulla faccia, come a dire: ehi tu?! non ti avevo ancora beccato? Eccoti in regalo questo bel virus! E con tutti i sintomi!

Che schifo.

Io che non so stare ferma un attimo e che farei cose che non dovrei fare solo per fare qualcosa.

Ora sono a casa, con 40 gradi e in ordine di lista: cane che abbaia fortissimo ogni quarto d’ora, vicino a panza all’aria che canta o sole mio, lavori in corso su altra sponda di palazzi.

Ok, non ero più abituata a stare in casa: al lavoro dalla mattina alla sera, sempre di corsa, arrivare a casa stanca morta, addormentarmi e ricominciare da capo.

Contro la mia volontà ho iniziato l’isolamento: libri, TV, termometro, smartphone, libri, smartphone, divano, smartphone, libri, coma.

Apro Netflix e cosa mi propone? Film adolescenziali americani sui primi amori estivi…

Ok, apro Prime e cosa mi propone? Serie TV adolescenziali americane sui primi amori estivi..

Va bene va bene…e che fai te ne privi? Mi ci vuole un po’ di leggerezza.

Inizio a guardarne uno, poi un altro, poi un altro. Nella mia folle solitudine penso a come siano tutti esattamente uguali: la protagonista (quasi sempre donna) si trasferisce per le vacanze estive dalla città al paesello stile OC, con porticciolo e ragazzi in camicia hawaiana con lo skateboard dai capelli sbiancati dal sole. Lei il più delle volte si sente esclusa perché non fa parte di quel mondo, è “quella nuova”, e tutti la snobbano. Alla fine del film riesce inspiegabilmente a integrarsi e diventa addirittura la star del paese, cuccando pure il più bel ragazzo!

Ok, ho 31 anni. Ok, ho qualche problema di isolamento.

Ora sono sul divano, a pensare al fatto che non sono al mare, non sono più un’adolescente e ho il Covid. Il mio fidanzato non ha lo skateboard, decisamente non ha la camicia hawaiana e ha i capelli neri come un messicano.

La prossima volta chiedo a Netflix di fare una categoria “isolamento da Covid”, così, giusto per…

3 commenti Aggiungi il tuo

  1. wwayne ha detto:

    Anche questo libro è romanticissimo: https://wwayne.wordpress.com/2021/09/23/ricordi-di-scuola/. L’hai letto?

    1. Federica Iuso ha detto:

      No, non l’ho letto ma…mi hai incuriosito! 🙂

      1. wwayne ha detto:

        Questo è un grandissimo complimento! 🙂 Colgo l’occasione per dirti che mi sono appena iscritto al tuo blog. Grazie per la risposta! 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...