Essere UOMO è complicato

Cena tra coinquiline. Tutte vestagliate e pigiamate ci raccontiamo aneddoti particolarmente degradanti su uomini e pseudo-uomini ridendo a crepapelle. Ma riflettendoci sopra, da anni oramai non posso fare a meno di pensare a quanto gli uomini siano, nella loro bidimensionalità, complicati. Si, arzigogolati, difficili, incomprensibili…non credevo potesse essere vero!
Tutti si lamentano di noi donne: che siamo pesanti, che siamo perfezioniste, che siamo appiccicose, testarde, permalose, tragiche, masochiste, piagnucolone e chi più ne ha più ne metta.
E gli uomini? Siamo così sicure che siano senza pretese, pratici e insignificanti? Io non ne sono così sicura!
Vogliamo parlare di quando dobbiamo fargli i regali?
Cascasse il mondo, ogni volta che c’è un compleanno, un Natale, un Bar Mitzvah o qualche altra festa balorda in cui bisogna fare un regalo a un uomo andiamo in panico.
Una cravatta? No, ma forse è troppo formale. Un bracciale? No, ma non porta gioielli! Magari un libro? Ma se pensa solo a Big Bang Theory! Insomma, un travaglio di 17 ore è meno difficile da affrontare.
Oppure vogliamo parlare dei “mammoni”?
Si care mie o cari miei, perché se in un momento della vostra vita vi troverete a condividere qualcosa con la tipologia suddetta, beh, siete veramente nei guai.
Il mammone, è una sottospecie di uomo che alla prima occasione si vanta di come è virile e maschilista, ma di soppiatto, va dalla mammina e cerca coccole e consigli manco fosse Nostradamus. Avete presente quando chiedete qualcosa tipo: andiamo a cena stasera?
Bene, il mammone esporrà mille e una scusa perchè deve sapere cosa ne pensa la madre, se è una buona idea, se le serve una mano per cucinare le orecchiette o se ha bisogno di qualcuno che la metta a letto. Distoglierlo dalla madre? Neanche Indiana Jones riesce a trovare l’arcano.
Ma l’ultima difficoltà nel labirinto uomo è la tipologia IL SOTTOSTIMATO.
Ai giorni d’oggi diciamoci la verità, la statistica di donne al potere o di successo è cresciuta moltissimo e ovviamente ci ritroviamo a pensare: ma queste donne, avranno un uomo al loro fianco?
E no! Perchè l’uomo si sente SOTTOSTIMATO, perde 10 a 0 contro lo stereotipo degli anni ’50, donna a casa e uomo a lavoro. Ci dobbiamo rendere conto di come l’evoluzione nella società sia davvero importante e di come tutti i canoni stanno scomparendo. E l’uomo? Povero uomo, si rinchiude nella sua stanzetta, a rimuginare e a piangere su se stesso, a pensare come sia possibile una cosa del genere. Allora decide di prendersi una pausa dalla coppia, si, per riflettere un po’, per cercare la sua strada. E noi cerchiamo invano di capire cosa passi nella loro testolina, tentiamo di risolvere gli enigmi, ma niente.
Essere uomo è complicato. Ci sono moltissimi altri esempi da fare, ma sarebbe un post lungo pagine e pagine. Io, faccio solo del sarcasmo, ma davvero, se riuscite a capire gli uomini, fatemi un cenno!

 

 

Un commento Aggiungi il tuo

  1. Marta Vitali ha detto:

    Anche per me sono un altro mondo… 🙂 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...